​I nostri video



Federalberghi: La nostra impresa. Il nostro impegno. La nostra sfida.




Federalberghi: La nostra impresa. Il nostro impegno. La nostra sfida.

Intervista al Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca




Intervista al Presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca

Il 4 luglio 2019, le Commissioni I e II della Camera dei Deputati hanno svolto oggi l’audizione di Federalberghi sulla proposta di legge C1913, recante disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza (cosiddetto decreto-legge “sicurezza bis”).

L’audizione ha riguardato la comunicazione delle generalità delle persone alloggiate, che i titolari delle strutture ricettive devono trasmettere alle Questure entro le ventiquattr'ore successive all'arrivo dei clienti, ai sensi dell’articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

In particolare, l’attenzione si è concentrata sull’articolo 5 del decreto-legge, che riduce sensibilmente i termini per tale comunicazione, stabilendo che - nei casi in cui il soggiorno ha una durata inferiore alle ventiquattro ore - essa debba avvenire “con immediatezza”.

Il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Nucara, “nel confermare la piena e consueta disponibilità degli albergatori a collaborare con le forze dell’ordine per contribuire alla tutela della sicurezza pubblica”, ha segnalato “la necessità di emendare il decreto-legge, al fine di evitare di arrecare disagi ai turisti e di non imporre alle imprese adempimenti talvolta impossibili da realizzare”.

“Sino ad oggi gli alberghi hanno consegnato la chiave della camera agli ospiti subito dopo aver richiesto il documento di identità. La registrazione dei dati e la trasmissione dei dati alla Questura avvenivano in un momento successivo. Con il passaggio alla comunicazione immediata, i clienti dovranno invece attendere che si concluda la procedura. Nelle ore di punta, si potrebbero creare lunghe code. E l’albergatore si troverà combattuto tra il desiderio di risparmiare l’attesa al cliente che arriva in albergo, magari dopo un lungo viaggio, e il rischio di incorrere in una sanzione penale, che può comportare sino a tre mesi di arresto”.

Federalberghi quindi propone di emendare l’articolo 5 del decreto-legge “definendo un termine congruo e ragionevole, chiaro ed univoco, entro il quale effettuare la comunicazione e consentendo che tale comunicazione venga effettuata mediante collegamento diretto tra i sistemi gestionali aziendali e il portale del Ministero dell’Interno”.

Nucara ha concluso il proprio intervento chiedendo “di differire di qualche mese l’entrata in vigore della normativa, per dare al Ministero dell’Interno il tempo necessario per aggiornare le procedure di acquisizione telematica dei dati e consentire il collegamento diretto ed automatico tra il cervellone del Viminale e gli alberghi”.




Il 4 luglio 2019, le Commissioni I e II della Camera dei Deputati hanno svolto oggi l’audizione di Federalberghi sulla proposta di legge C1913, recante disposizioni urgenti in materia di ordine e sicurezza (cosiddetto decreto-legge “sicurezza bis”).

L’audizione ha riguardato la comunicazione delle generalità delle persone alloggiate, che i titolari delle strutture ricettive devono trasmettere alle Questure entro le ventiquattr'ore successive all'arrivo dei clienti, ai sensi dell’articolo 109 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza.

In particolare, l’attenzione si è concentrata sull’articolo 5 del decreto-legge, che riduce sensibilmente i termini per tale comunicazione, stabilendo che - nei casi in cui il soggiorno ha una durata inferiore alle ventiquattro ore - essa debba avvenire “con immediatezza”.

Il direttore generale di Federalberghi, Alessandro Nucara, “nel confermare la piena e consueta disponibilità degli albergatori a collaborare con le forze dell’ordine per contribuire alla tutela della sicurezza pubblica”, ha segnalato “la necessità di emendare il decreto-legge, al fine di evitare di arrecare disagi ai turisti e di non imporre alle imprese adempimenti talvolta impossibili da realizzare”.

“Sino ad oggi gli alberghi hanno consegnato la chiave della camera agli ospiti subito dopo aver richiesto il documento di identità. La registrazione dei dati e la trasmissione dei dati alla Questura avvenivano in un momento successivo. Con il passaggio alla comunicazione immediata, i clienti dovranno invece attendere che si concluda la procedura. Nelle ore di punta, si potrebbero creare lunghe code. E l’albergatore si troverà combattuto tra il desiderio di risparmiare l’attesa al cliente che arriva in albergo, magari dopo un lungo viaggio, e il rischio di incorrere in una sanzione penale, che può comportare sino a tre mesi di arresto”.

Federalberghi quindi propone di emendare l’articolo 5 del decreto-legge “definendo un termine congruo e ragionevole, chiaro ed univoco, entro il quale effettuare la comunicazione e consentendo che tale comunicazione venga effettuata mediante collegamento diretto tra i sistemi gestionali aziendali e il portale del Ministero dell’Interno”.

Nucara ha concluso il proprio intervento chiedendo “di differire di qualche mese l’entrata in vigore della normativa, per dare al Ministero dell’Interno il tempo necessario per aggiornare le procedure di acquisizione telematica dei dati e consentire il collegamento diretto ed automatico tra il cervellone del Viminale e gli alberghi”.

Ogni struttura ricettiva deve comunicare ogni giorno alla Questura competente per territorio le generalità dei clienti alloggiati.

Si tratta di una comunicazione importante, che gli albergatori effettuano da sempre, consapevoli della necessità di collaborare con le forze dell'ordine per aumentare il livello di sicurezza delle nostre città.

L'articolo 5 del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53 (cosiddetto decreto "sicurezza bis") stabilisce che, se il soggiorno dura meno di ventiquattr'ore, tale comunicazione debba essere effettuata "con immediatezza".

Federalberghi propone che questa norma venga emendata, fissando un termine congruo e ragionevole e ammodernando le modalità di comunicazione dei dati, che oggi richiedono un intervento manuale.

Questo video, realizzato dal Comitato dei direttori e dei segretari delle organizzazioni aderenti a Federalberghi, illustra le conseguenze negative che i turisti e gli albergatori subiranno se la norma non sarà modificata.




Ogni struttura ricettiva deve comunicare ogni giorno alla Questura competente per territorio le generalità dei clienti alloggiati.

Si tratta di una comunicazione importante, che gli albergatori effettuano da sempre, consapevoli della necessità di collaborare con le forze dell'ordine per aumentare il livello di sicurezza delle nostre città.

L'articolo 5 del decreto-legge 14 giugno 2019, n. 53 (cosiddetto decreto "sicurezza bis") stabilisce che, se il soggiorno dura meno di ventiquattr'ore, tale comunicazione debba essere effettuata "con immediatezza".

Federalberghi propone che questa norma venga emendata, fissando un termine congruo e ragionevole e ammodernando le modalità di comunicazione dei dati, che oggi richiedono un intervento manuale.

Questo video, realizzato dal Comitato dei direttori e dei segretari delle organizzazioni aderenti a Federalberghi, illustra le conseguenze negative che i turisti e gli albergatori subiranno se la norma non sarà modificata.

69a assemblea Federalberghi. Intervista a Bernabò Bocca, Presidente Federalberghi




69a assemblea Federalberghi. Intervista a Bernabò Bocca, Presidente Federalberghi

L'assemblea di Federalberghi a Capri in 3 minuti




L'assemblea di Federalberghi a Capri in 3 minuti

Nell’ambito della 69a Assemblea di Federalberghi, si è svolto un Convegno dal titolo "Il valore del turismo nell’economia dell’Italia: strategie e modelli innovativi come patrimonio per la crescita".




Nell’ambito della 69a Assemblea di Federalberghi, si è svolto un Convegno dal titolo "Il valore del turismo nell’economia dell’Italia: strategie e modelli innovativi come patrimonio per la crescita".

69a assemblea Federalberghi. Intervista ad Alessandro Nucara, Direttore generale di Federalberghi




69a assemblea Federalberghi. Intervista ad Alessandro Nucara, Direttore generale di Federalberghi

Il 13 maggio 2019 si è tenuta l’audizione di Federalberghi presso la Commissione X della Camera dei Deputati, sul disegno di legge n. 1698 "delega al Governo in materia di Turismo".




Il 13 maggio 2019 si è tenuta l’audizione di Federalberghi presso la Commissione X della Camera dei Deputati, sul disegno di legge n. 1698 "delega al Governo in materia di Turismo".

LOCAZIONI BREVI: i centri storici delle città stanno subendo una metamorfosi a causa del numero esponenziale di b&b e alberghi diffusi. Nell'intervista di Adnkronos il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca spiega quanto sia dannoso il sommerso nella ricettività.




LOCAZIONI BREVI: i centri storici delle città stanno subendo una metamorfosi a causa del numero esponenziale di b&b e alberghi diffusi. Nell'intervista di Adnkronos il presidente di Federalberghi Bernabò Bocca spiega quanto sia dannoso il sommerso nella ricettività.




THOMAS COOK, GRANDE PREOCCUPAZIONE PER SORTE IMPRESE

Thomas Cook: Bocca, molto preoccupati ...

BIG - BUSINESS GAME INTERGENERAZIONALE

Ai nastri di partenza BIG il business game di ...

L'HOTEL LUOGO DEL FUTURO

Ciò che è sostenibile diventa garanzia di miglior...

FALLIMENTO THOMAS COOK, INCONTRO CON IL GOVERNO

Oggi si è svolto un incontro tra le organizzaz...

FIPE E FEDERALBERGHI BOCCIANO L'AUMENTO DELL'IVA

"L’aumento dell’IVA sulle imprese alberghiere ...

FALLIMENTO THOMAS COOK

Il fallimento di Thomas Cook potrebbe causare ...

LOCAZIONI BREVI - SENTENZA DEL CONSIGLIO DI STATO

Locazioni brevi, il Consiglio di Stato chiama in ...

TURISMO A SETTEMBRE - CALO RISPETTO AL 2018

Estate 2019, italiani inclini al viaggio e più...

COSA FANNO GLI ITALIANI IN VACANZA - RELAX E SCOPERTA DEL TERRITORIO

La disponibilità di tempo libero, una risorsa ...

AGOSTO - LE VACANZE DEI TURISTI ITALIANI E STRANIERI

Saranno più di 18 milioni le persone che nel c...

RECENSIONI INAFFIDABILI - CENTOMILA EURO DI MULTA A TRIPADVISOR

Il Consiglio di Stato, accogliendo l'appello pres...

DECRETO SICUREZZA BIS - AUDIZIONE DI FEDERALBERGHI

Federalberghi, nel confermare la piena e consu...

ESTATE 2019

Estate italiana, 34,6 milioni in viaggio (+0,3...

SCADENZA IMU - IMPOSTA TROPPO GRAVOSA PER IL SETTORE TURISTICO RICETTIVO

Il mese di giugno per gli italiani e in partic...

GLI ALBERGHI ITALIANI VESTONO GREEN

Federalberghi, WWF Italia e Fondazione Recchi ...

Incentivi alle assunzioni nel Turismo - Manuale

Federalberghi ha realizzato un manuale dal titolo...

Il mio futuro è sostenibile - manuale per l'albergo empatico

Federalberghi, in collaborazione con il Centro di...

Fallimento Thomas Cook

A seguito del fallimento del gruppo Thomas Cook, ...