Estate: Bocca, difficile ripetere i risultati 2018

ANSA/ Estate: Bocca, è difficile ripetere i risultati 2018. Presidente Federalberghi, pesano maltempo e ripresa competitor
(di Cinzia Conti)

 

(ANSA) - ROMA, 8 AGO - "Ieri mi raccontavano che in Versilia ci sono spiagge con ombrelloni chiusi in pieno agosto... Dopo un maggio falcidiato dal maltempo, un giugno e un luglio in linea con lo scorso anno, se 'buchiamo' agosto, a settembre sarà complicato recuperare.

 

L'obiettivo è fare lo stesso risultato dello scorso anno, ma la vedo dura. Anche perché sono tornati pienamente in partita tutti i nostri competitor (Egitto, Turchia ma anche new entry come l'Albania)". Lo dice il presidente di
Federalberghi Bernabò Bocca intervistato dall'ANSA alla vigilia del grande esodo di Ferragosto.

 

Ad agosto, secondo i calcoli della stessa federazione degli albergatori, saranno più di 18 milioni le persone che soggiorneranno negli alberghi e nelle altre strutture ricettive italiane, per un totale di circa 83 milioni di pernottamenti (per il 41,9% di turisti stranieri e per il 58,1% di italiani).

 

"Quando i nostri politici facevano le cicale e godevano per tutti i segni 'più' del turismo lo scorso anno, noi sostenevamo sempre che i segni erano positivi perché il mercato era 'drogato' - aggiunge Bocca - e non avevamo in pista a gareggiare con noi tutta una serie di rivali storici, perchè alle prese con tensioni politiche o terroristiche".

 

Il presidente di Federalberghi sottolinea anche come le vacanze di lusso continuino a crescere, mettendo a segno ottime perfomance e, al contempo, si registri la tendenza a spezzettare le ferie. "Quest'anno - dice - stiamo notando che sembra definitivamente tramontato il concetto della lunga pausa dal lavoro (dai 15 giorni alle 3 settimane) e si dividono le ferie in tante piccole vacanze. Sicuramente il pienone ci sarà la prossima settimana, quella di Ferragosto, che rimane quella clou. Con il settore del lusso che tiene e che non risente della crisi economica ed è quasi tutto formato dagli stranieri".

 

E poi aggiunge: "I ricchi non vanno demonizzati, anzi bisogna puntare a un pubblico alto spendente e a un turismo di qualità". E proprio per fornire un turismo del genere secondo il presidente degli albergatori è fondamentale il tax credit che permette agli imprenditori di rinnovare le strutture e anche il grande evento che fa tornare i turisti ("Siamo superfelici per Milano e Cortina, peccato aver perso le Olimpiadi a Roma").

 

"Per quanto riguarda i connazionali c'è una grande attenzione al costo della vacanza, anche a scapito della qualità. Si punta a vacanze che costino meno o si va in Paesi di minor costo come Turchia e Nord Africa o, se si resta in Italia, puntando ai soliti maledetti appartamenti abusivi che non essendo ufficiali ed evadendo le tasse possono stare sul mercato a prezzi decisamente inferiori", sottolinea Bocca ribadendo che se fosse registrato tutto il sommerso le presenze in Italia potrebbero addirittura "raddoppiare”.

 

Proprio riguardo agli abusivi Bocca ricorda il codice identificativo delle strutture alberghiere: "Io mi sono perso. C'è stato l'annuncio del codice che diventava legge e poi? In Italia fai una legge e poi bisogna attendere il decreto attuativo. Quando ero in Parlamento io venivano approvati i decreti attuativi delle leggi del governo Monti... C'è anche la legge che dovrebbe imporre a Airbnb di pagare il 21% di sostituto d'imposta, ma a oggi sono due anni che non pagano.

 

Soprattutto in un momento di difficoltà, non dico di crisi perché non si può parlare di crisi nel turismo, il rispetto delle regole diventa determinante. Le presenze sarebbero il doppio se fossero considerate tutte, ufficiali e abusive. Il problema è che gli evasori sono un grosso bacino elettorale e quindi, finché si continua ad andare a votare ogni sei mesi, per paura di perdere voti li si tiene buoni. Bisognerebbe avere il coraggio di perdere qualche voto, ma fare politiche che premino gli onesti e puniscano i disonesti”.

 

E sulla situazione politica di oggi Bocca spiega: "L'incertezza è quella che più spaventa i cittadini, ma con due partner di governo che litigano tutti i giorni e fanno da maggioranza e opposizione assieme...". (ANSA).




desaparecida la banca dati delle locazioni brevi

Non si hanno più notizie della banca dati sulle locazioni brevi, nonostante siano passati più di tre mesi dal termine stabilito per l’approvazione del decreto istitutivo (30 luglio 2019), finalizzato a migliorare la qualità dell'offerta turistica, assicurare la tutela del turista e contrastare forme irregolari di ospitalità, anche ai fini fiscali.

 

La legge prevede che tutti gli alloggi turistici presenti nel territorio nazionale debbano essere identificabili mediante un codice identificativo, che deve essere utilizzato in ogni comunicazione inerente all'offerta e alla promozione dei servizi all'utenza.

 

Basta una passeggiata sul web per rendersi conto della urgente necessità di fare chiarezza in un mercato in cui c’è di tutto, dalle strutture che si auto-attribuiscono illegalmente la qualifica di hotel e le stelle, ai superhost che mettono in vendita centinaia di appartamenti spacciandosi per nonnette che arrotondano la pensione.

 

Ponte Ognissanti 2019 - saranno circa 6,7 milioni gli italiani in viaggio

Saranno circa 6,7 milioni gli italiani in viagglio per la festività di Ognissanti.

Giro di affari di 2,21 miliardi (-7%). Pesa il giorno di vacanza in meno.

 

Thomas Cook, grande preoccupazione per sorte imprese

Thomas Cook: Bocca, molto preoccupati per sorte imprese

Domani voto su emendamenti al dl "crisi aziendali" al Senato

 

 

(ANSA) - ROMA, 16 OTT - "Siamo molto preoccupati per la sorte delle imprese e dei lavoratori italiani travolti dal fallimento di Thomas Cook". Lo dichiara il presidente di Federalberghi, Bernabò Bocca, in attesa del voto sugli emendamenti al decreto legge "crisi aziendali" che dovrebbe svolgersi domani mattina in Senato, presso le Commissioni X e XI riunite.

 

"Quindici giorni fa - ricorda Bocca - al tavolo convocato dal Governo, insieme alle altre organizzazioni imprenditoriali abbiamo rappresentato al sottosegretario Bonaccorsi la gravità della situazione, segnalando la necessità di intervenire con urgenza. Ci era stato assicurato che sarebbero stati utilizzati tutti gli strumenti necessari ed oggi, per tutta risposta, la Commissione V del Senato ha espresso parere contrario a tutti gli emendamenti, che sono stati presentati dai parlamentari della maggioranza e dell'opposizione. Il parere negativo riguarda anche misure in favore dei lavoratori, che non costerebbero un centesimo alle casse dello Stato, in quanto sono state già pagate con i contributi dei datori di lavoro, e misure dal costo irrisorio, volte ad evitare una beffa clamorosa, che le imprese subiranno se saranno costrette a pagare IRES e IVA su crediti che non saranno mai incassati".

 

"Molti sono i paesi colpiti duramente dal crack di Thomas Cook - prosegue il presidente di Federalberghi - ma solo l'Italia sembra disinteressarsene. La Spagna ha varato un pacchetto da 800 milioni di euro per sostenere le imprese e i lavoratori. Nel piccolo Portogallo, lo stanziamento è di 150 milioni. Anche la Grecia ha adottato misure, che spaziano dalla cosiddetta IVA per cassa a forme di sostegno al reddito dei lavoratori".

 

"Confidiamo in una presa di posizione urgente del Ministro Franceschini - conclude Bocca - volta a far sì che anche le imprese ed i lavoratori italiani ricevano un concreto segnale di attenzione e non si ritrovino, ancora una volta, orfane, mentre i nostri competitor dimostrano di avere realmente a cuore le sorti dell'economia turistica".

 

CNZ/

S0A QBXB

 

proroga concessioni demaniali

La legge di bilancio 2019 ha previsto che le concessioni demaniali marittime vigenti, in scadenza alla data del 31 dicembre 2020, abbiano una durata di 15 anni con decorrenza dal 1° gennaio 2019. Al riguardo, si rammenta che con legge comunitaria 2010 è stato abolito il rinnovo automatico e, pertanto, l'estensione della durata della concessione richiede che il concessionario presenti un’apposita istanza all'amministrazione concedente, prima della scadenza del 31 dicembre 2020.

Previdenza complementare per i dirigenti di aziende alberghiere - riallineamento della contribuzione

Federalberghi e Manageritalia hanno raggiunto un accordo per il riallineamento della contribuzione al Fondo "Mario Negri" di previdenza complementare per i dirigenti di aziende alberghiere.

LEA - Trattenimenti musicali

Nel caso di esecuzioni musicali dal vivo, a decorrere dal 1° luglio 2019 l’organizzatore dell’evento deve preventivamente accertare a quale repertorio appartengono i brani musicali che si intendono eseguire, accedendo ai relativi cataloghi. Per le esecuzioni dal vivo, infatti, la situazione è attualmente la seguente: • nel caso in cui siano eseguiti solo brani appartenenti al repertorio musicale di SIAE, occorre richiedere la licenza solo a SIAE; • nel caso in cui siano eseguiti solo brani appartenenti al repertorio musicale di LEA-SOUNDREEF, occorre richiedere la licenza solo a LEA-SOUNDREEF; • nel caso in cui siano eseguiti brani appartenenti sia al repertorio musicale di SIAE, sia al al repertorio musicale di LEA-SOUNDREEF, occorre richiedere la licenza ad entrambe. Sono in corso contatti per verificare la possibilità di concludere un accordo con LEA-SOUNDREEF per regolamentare l’utilizzo delle opere da loro rappresentate nel corso di trattenimenti musicali dal vivo.

​​​​
Giunta Esecutiva (Roma) - 19/11/2019

Riunione della Giunta Esecutiva di Federalberghi

Consiglio Direttivo Federalberghi Extra - 21/11/2019

Riunione del Consiglio direttivo di Federalberghi Extra